Medici di famiglia, pediatri e guardia medica

Ultima modifica 26 marzo 2020

Con una nota di il Dipartimento Salute della Regione Puglia ha comunicato i protocolli operativi condivisi con i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta per la gestione dei casi sospetti di Coronavirus.

L'obiettivo è favorire il triage telefonico ed evitare concentrazioni dell'utenza negli ambulatori e negli studi medici, che potrebbero accelerare il contagio.

Per quanto riguarda i medici di famiglia, i pazienti con sintomi influenzali (febbre, tosse, raffreddore) sono quindi invitati a non recarsi negli ambulatori ma a telefonare al proprio medico per una prima valutazione a distanza.

Cambia anche l'attività per guardia medica la quale, pur rispettando gli orari di apertura previsti dagli accordi integrativi regionali, non sono da considerarsi ad accesso diretto, ma presuppongono un triage telefonico o citofonico, con l'obbligo della compilazione della scheda 'triage telefonico' e del rispetto delle procedure ivi richiamate”.

I cittadini che negli ultimi 14 giorni abbiano transitato in aree con focolai di Coronavirus devono autosegnalarsi presso il proprio medico curante o il Dipartimento di prevenzione della ASL della provincia in cui alloggiano. Le istruzioni e il modulo con cui effettuare l'autosegnalazione sono disponibili sul sito Puglia Salute al seguente link: https://www.sanita.puglia.it/web/pugliasalute/autosegnalazione-coronavirus